Per Exxon il mondo è destinato a non superare il limite di riscaldamento globale di 2°C entro il 2050

Tempo di lettura ca.: 1 minuti, 17 secondi


Petrolio e gas naturale continueranno a soddisfare più della metà del fabbisogno energetico mondiale nel 2050, ovvero il 54%. È quanto prevede Exxon Mobil Corp nelle sue ultime previsioni sul settore energia. Il più grande produttore di petrolio statunitense prevede che il mondo raggiungerà i 25 miliardi di tonnellate di emissioni di anidride carbonica (CO2) legate all’energia nel 2050, si tratta di più del doppio degli 11 miliardi di tonnellate che secondo il Gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) sarebbero necessari in media negli scenari di riduzione dei 2°C. “Una transizione energetica è in corso, ma non sta ancora avvenendo nella scala o nei tempi necessari per realizzarla le ambizioni net-zero della società” ha detto il produttore.

Exxon produce meno del 3% della domanda giornaliera di greggio mondiale e a maggio i suoi azionisti hanno respinto a stragrande maggioranza le richieste di misure più forti per mitigare il cambiamento climatico. L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) ha affermato dal 2021 che è necessario destinare risorse molto maggiori alle tecnologie energetiche pulite per mettere il mondo sulla buona strada per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050.

Solo due delle 55 tecnologie necessarie per raggiungere l’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050 sono “sulla buona strada”, ha affermato Exxon citando l’Aie. Le emissioni diminuiranno solo del 25% entro il 2050 poiché le opzioni a basse emissioni cresceranno, ha affermato la società, al di sotto degli scenari desiderati.

Nel complesso, secondo i progetti di Exxon, le emissioni di CO2 legate all’energia raggiungeranno il picco di oltre 34 miliardi di tonnellate in questo decennio con la crescita delle economie e della domanda di energia, per poi scendere a 25 miliardi di tonnellate nel 2050.

Exxon sta investendo 17 miliardi di dollari in un arco di sei anni fino al 2027 in tecnologie a basse emissioni di carbonio come la cattura e il sequestro del carbonio e l’idrogeno. L’azienda afferma che queste due tecnologie, attualmente non commerciali, rappresentano una promessa significativa per i settori difficili da decarbonizzare negli scenari IPCC con temperature inferiori a 2°C.

La maggior parte del capitale è destinata alla riduzione delle emissioni di carbonio delle proprie attività e di terzi. A differenza dei suoi colleghi europei, Exxon è rimasta lontana dalle fonti rinnovabili consolidate come l’energia eolica e solare. Si prevede che l’energia eolica e solare forniranno l’11% della fornitura energetica mondiale nel 2050, cinque volte il contributo odierno.

The post Per Exxon il mondo è destinato a non superare il limite di riscaldamento globale di 2°C entro il 2050 first appeared on AGEEI.


 - 
Dutch
 - 
nl
English
 - 
en
French
 - 
fr
German
 - 
de
Italian
 - 
it
Portuguese
 - 
pt
Spanish
 - 
es